Nelle opere di Sabrina Rossi, giovane artista ternana, respira l’universo con tutto il suo impeto creativo che si esprime nel vortice di galassie nelle quali implodono ed esplodono costellazioni. Il gesto pittorico dell’artista , fortemente volitiva, si esprime ora nel tratto deciso e definitivo, fortemente stilizzante e privo quindi di pentimenti successivi, ora nella materia satura di cromatismi intensi. Onde energetiche pervadono l’espressione pittorica di Sabrina Rossi: creano ritmi e sequenze, flussi e tensioni sulla tela che d’improvviso si ritrova animata e diviene una piccola finestra sul cosmo, un varco che lei si apre nella sua femminilità, fragile ma appassionata. Una femminilità che sa curare le proprie ferite , anche in vista di una maternità, di un “ Sì”, che conosce le notti del “ No”. Donne primigenie e ancestrali sono la via capace di condurre verso cieli inaspettati, perché persi tra le costellazioni di antichi miti. Il Centro Culturale Poli d’Arte è lieto di ospitare la mostra personale di Sabrina Rossi dal 18 al 29 luglio 2012. La mostra si inaugura sabato 21 luglio 2012 ( ore 18,00) e sarà presentata dal pianista Egidio Flamini, presidente del Festival Pianistico di Spoleto, intervallato da alcuni interventi poetici curati da Fare Cultura ( testi di Simone Fagioli, Sandro Costanzi, Danilo Santi, Jacopo Feliciani e Paolo Parigi).