Si respira aria di freschezza e tutto danza nella capitale dei Due Mondi, Spoleto città vestita a festa anche nei giorni feriali, nell’ ambito teatrale noti per essere giorni tranquilli; ma così non è stato in occasione del 57° Festival di Spoleto. Lunedì 7 luglio è stato l’anniversario di compleanno del M° GianCarlo Menotti, creatore del Festival e ultimo duca di Spoleto: una giornata piena di eventi . Due concerti a Casa Menotti : il primo alle undici ove sono intervenuti il violinista Gabriele Rendina Cattani e la pianista Mia Julia Cattani : due giovani talentuosi e sperimentatori che hanno creato un evento su testi di Baba Ziloff ad hoc sulle posizioni astrali del 7 luglio 2014 delle ore 11.00, come se il Maestro Menotti fosse nato nella stessa ora del concerto. Il pomeriggio sempre a casa Menotti ha visto un concerto lirico –pianistico con musiche di Menotti, Barber, Brahms, Respighi, Poulenc e Rachmainonff : soprano Mariangela Campoccia, pianista Simona Granelli. La stessa serata alle ore 20 presso il Chiostro di San Nicolò si è tenuto il concerto dell’ Umbriaensamble in onore del Maestro Menotti ( viola: Luca Ranieri violoncello: Maria Cecilia Berioli pianoforte: Michele Rossetti ) con musiche di Menotti, De Rossi Re, Rota, Morricone e Piovani. Del Maestro è stato eseguito una suite del 1973 di stile neoclassico. Profondo e ispirato l’omaggio di Fabrizio De Rossi Re: un trio ove terra e cielo comunicano in spazi aperti ad assoli sospesi nel respiro di un dialogo interrotto fra gli strumenti. Gli altri appuntamenti della giornata sono stati il concerto di mezzo giorno presso la Chiesa di Santa Eufemia : pianista Pietro De Maria e musiche dello Chopin “ italiano” e della maturità del poeta del piano forte. Con l’occasione è stato premiato il tredicenne compositore Dario Falcone il quale ha ricevuto , dalle mani di Giorgio Ferrara , direttore artistico del Festival dei Due Mondi, la borsa di studio offerta dalla fondazione Monini. La sera del 7 luglio infine grande tripudio ed esuberanza tutta partenopea con la Tribunal Jazz Band, fondata dall’avvocato Paolo Panella e diretta dall’avvocato Antonio Solimene: insomma una “ Tammurriata nera” ove tradizione napoletana e jazz si sono fusi armonicamente nelle peculiarità loro proprie. La serata di martedì 8 luglio ha visto in contemporanea la banda dei carabinieri in Piazza Duomo e la Maratona di danza svoltasi al teatro romano in sinergia con lo staff organizzativo della settimana internazionale della danza , si sono esibiti: Petra Conti, prima ballerina al Boston Ballet; Timofej Andrijasenko,vincitore al concorso internazionale di Mosca Nikolaj Gorodiskj, primo ballerino al Teatro di Stato di Zagabria; Alena Ledyakn, giovane promessa russa, Artemij Pizov, primo ballerino del Russian State Ballet di Mosca.
Sandro Costanzi