Powered by Max Banner Ads 

POETI SENZA FRONTIERE: tra Oriente e Occidente

I Poeti Senza Frontiere dello Spoleto festival art presentano I Poeti si incontrano sabato 5 luglio ore 17 Centro Culturale Polidarte Piazza della Signoria Spoleto
Il presidente dello Spoleto festival Art
Prof Luca Filipponi
ed il poeta Angelo Sagnelli, Direttore artistico Spoleto Festival Art letteratura riorganizzano l’evento di Poesia e Letteratura ideato da Giancarlo Menotti negli anni 60:I Poeti si incontrano
Interverranno per i poeti Egiziani: Manal Serry, Muohamed Yussef, Assem Megahed e sarà anche presente come ospite dell’ambasciata saudita Riad Al Thobaity,
per il Venezuela il poeta Antonio Mendoza,
per l’Italia i poeti Franco Campegiani, Sonia Giovannetti, ed i poeti Antonio Lara direttore artistico del caffè letterario di San Benedetto del Tronto e il poeta Leo Bollettini presidente del circolo culturale Riviera delle Palme, Riccardo Cecchelin autore del libro Falsa Imago,Sandro Costanzi, Adelaide Parolini che legger�
alcuni testi celebri del Parlamento Europeo tratti dal libro del prof.Luca Filipponi 28 Lezioni per Capire l’EuropaDurante l’incontro
verrà spiegato dal presidente dello Spoleto festival Art il progetto editoriale e teatrale Oratoria per la pace che sarà proposto e recitato in vari
teatri italiani nel 2015.
Angelo Sagnelli e Luca Filipponi sono molto contenti dell’iniziativa:” questo evento nato per puro caso e per una sfida culturale sta diventando uno degli
appuntamenti più importanti della letteratura contemporanea”.

  • 20 Commenti
  • Raccolta di: Arte
  • Spoleto 57: Trittico Berlioz-Poulenc-Schonberg

    Il primo week-end del 57° Festival dei Due Mondi, presso il Teatro GianCarlo Menotti, ha visto l’esecuzione di un particolare trittico operistico con musiche di Berlioz, di Poulenc e di Schonberg.
    Con
    Cantanti: Ketevan Kemoklidze (mezzo-soprano), Kathryn Harries ( soprano), Nadja Michael
    Direttore e orchestra : John Axelrod , Orchestra sinfonica di Milano Giuseppe Verdi
    Regia: Frederich Fisbash
    Scenografia: Laurent P. Berger
    Costumi: Luisa Spinatelli
    Segue la riflessione critica.
    Cosa contraddistingue la femminilità dalla mascolinità? Io credo – e questa mia considerazione va presa come una riflessione personale- la passionalità con cui s’interagire nelle cose del mondo e nelle situazioni ove viene messa alla prova. Tre sono questi ambiti e in special modo tre i principi che le originano: il potere, il gioco e l’eros. Ben lo sanno i tre compositori che hanno inaugurato il 57° Festival dei Due Mondi: Berlioz ( La mort de Cleopatre), Poulenc ( La dame de Montecarlo) e Schonberg ( Erwartung). Un trittico creato ex novo costruito in loco , dalla scenografia fin all’ultimo attrezzo di scena, presso il Teatro Gian Carlo Menotti. Di solito se si inaugura con un trittico operistico si esegue quello di Puccini ( Suor Angelica, Tabarro e Gianni Schicchi): tre opere differenti ma composte da uno stesso compositore; ma appunto è proprio questa è la novità voluta dallo staff del Festival: ovvero unire tre autori relativamente distanti nel tempo ma comunque distinti in un trittico ove è protagonista la femminilità colta nelle sue passioni e nelle sue debolezze. Il tema trattato da Berlioz in “ La mort de Cleopatre” è il potere: è una scena lirica affidata al mezzo- soprano ( Ketevan Kemoklidze) e orchestra ove l’eroina ricorda il radioso passato d’amore e nella rievocazione di ciò che è stato si sente indegna delle sacre piramidi dei faraoni. Nella messa in scena, deposte le preziose vesti, si spegnerà in un concentrico cono di luci ed ombre in cui sprofonderà come nel sole del tramonto. Teatro nel teatro, interattivo con il pubblico è il monologo lirico per soprano e orchestra di Poulenc “ La dame de Montecarlo”, che, composto sul libretto di Jean Cocteau, conclude i “Journal de mes Melodies”. La protagonista, interpretata dal soprano Kathryn Harries, vive la passione del gioco e decide di gettarsi nel mare di Montecarlo, il cui nome viene sospirato fin’anco nell’ultimo respiro, come s’invocasse il paradiso in punto di morte, pur essendo un paradiso meramente terreno. Conclude questo trittico femminile il soprano Nadja Michael alla quale è stata affidato il monodramma di Schonberg intitolato “ Erwartung”: è la storia di una donna innamorata di un uomo infedele , un giallo dell’anima che s’incupisce nella scoperta del cadavere, spirato nell’ultima avventura sessuale. Un eros trasfigurato in attesa è quindi l’amore della donna, la quale, a differenza delle altre, decide di continuare a vivere quel che la vita le concede, pur un mattino privo di luce e un giorno lungo un’intera esistenza.

    Sandro Costanzi

  • 0 Commenti
  • Raccolta di: Arte
  • Continua l’impeto vitale che scaturisce dall’arte di Sonia Ros: artista esposta, in occasione del 57 ° Festival dei Due Mondi, e al MAD Museum ( Fondazione Loreti ) a Campello sul Clitunno fino al 30 agosto 2014 e al Centro Culturale Poli d’Arte ( Via Duomo 27, Piazza Signoria 5 in Spoleto). Artista con un nutrito curriculum alle spalle e proveniente da una mostra pubblica, realizzata presso il Museo Bilotti di Roma, propone una figurazione astratta ove la corporeità, sia essa animale, vegetale o umana, irrompe sospesa nel dinamismo dell’universo: microcosmi che si aprono macrocosmi, desiderosi di vita e quindi preparati a trasmutare. Tale vitalità pittorica genera confronti e dialoghi in seno alle stesse arti: infatti presso il Centro Culturale Poli d’Arte si terranno due eventi, correlati alla mostra di Sonia Ros.Il primo è curato da Luca Filipponi e Angelo Sagnelli ed è “Poeti senza frontiere”; si terrà sabato 5 luglio 2014 alle ore 17,00.Il secondo è la presentazione del libro del dott. Beniamino Baldacci “ Leone: donne e congiure” ( edizioni il Cerchio), presentato dal dott.Sandro Costanzi: venerdì 11 luglio alle ore 18,00.

    Il professore Luca Filipponi intervista l’artista:

    https://www.facebook.com/l/1AQF_F8IcAQG6DBmRFXTeqfhOm-WDJYsfuzreRyPKkV6FGA/https%3A/www.youtube.com/watch%3Fv%3D_-x6568Ixs8

    Sandro Costanzi

  • 18 Commenti
  • Raccolta di: Arte
  • Il 28 giugno alle ore 11.30 sul palco del Teatro Nuovo di Spoleto tre giovani autori di musica concorreranno al Premio SIAE alla Creatività Musicale. La giuria composta da Gino Paoli, Franco Lavezzi e Franco Micalizzi dovrà decidere tra i giovani selezionati attraverso tre delle più prestigiose istituzioni musicali italiane: il CPM, Centro Professione Musica di Franco Mussida; il Premio Tenco e il Premio Donida.

    I giovani partecipanti – Manuela Paruzzo (presentata dal CPM), Carlot-ta (presentata dal Premio Tenco) e Matteo Pascotto (presentato dal Premio Donida) – si esibiranno al Teatro Nuovo di Spoleto e al termine saranno consegnati al vincitore di quest’anno una Targa SIAE e un premio di 5.000 euro.

    L’ingresso sarà libero per tutti coloro che vorranno partecipare.

    Dal 2009 la SIAE è al fianco di Spoleto Festival dei 2Mondi, proprio per sostenere i giovani e la cultura. Da quest’anno la SIAE, d’accordo con la direzione del Festival, ha deciso di dare maggior spazio alle singole Arti e agli Autori, promuovendo ogni anno una singola categoria: l’edizione 2014 è dedicata alla Musica, quella del 2015 al Teatro e quella del 2016 alla Danza. L’appuntamento di questa 57esima edizione è quindi con i giovani talenti musicali.

  • 22 Commenti
  • Raccolta di: Arte
  • SONIA ROS “KAIROS”

    di Maria Letizia Cassata

    MAD UMBRIA MUSEUM CAMPELLO SUL CLITUNNO
    21 Giugno – 30 agosto
    GALLERIA POLID’ARTE SPOLETO
    22 Giugno – 13 Luglio
    Opening sabato 21 giugno
    ore 18.00
    MAD UMBRIA MUSEUM
    Strada Statale Flaminia Km 138
    Campello sul Clitunno
    Opening domenica 29 giugno
    Ore12.00
    GALLERIA POLID’ARTE
    Via Duomo, 7- Piazza Signoria
    Spoleto
    Dopo la personale di Roma al Museo Carlo Bilotti Aranciera di Villa Borghese, Sonia Ros
    approda a Spoleto.
    I lavori dell’artista veneta saranno infatti visibili al pubblico dal 21 Giugno al 30 Agosto
    2014, sia nel bellissimo contesto del MAD Umbria Museum a Campello sul Clitunno,
    che nella storica Galleria POLID’ARTE a Spoleto.
    Doppia inaugurazione per “KAIROS”; la mostra realizzata con il Patrocinio
    dell’assessorato dei Beni Culturali del Comune di Spoleto godrà infatti di una duplice
    visibilità .
    Sabato 21 giugno alle ore 18.00 l’opening dell’evento, che si svolgerà sulle splendide
    terrazze del MAD Umbria Museum, e domenica 29 giugno alle ore 12.00 Brunch in
    Galleria alla POLID’ARTE in pieno centro di Spoleto.
    In mostra, tele di grandi dimensioni dal forte impatto visivo ed emozionale. Colori forti a
    contrasto, ben delineati da tratti grigi o neri, che mettono in scena immagini
    anti narrative, che portano a rappresentare l’alleggerimento dei corpi , la loro esplosione
    implosione e la loro integrazione con l’oggetto del desiderio, sia esso organico o
    inorganico. La dinamica del corpo, la sua complessità, le ossessioni che può destare
    sono diventate temi ineludibili e la pittura ad olio l’unico modo, l’unica tecnica in grado di
    esprimere la loro urgenza.
    Le opere sono caratterizzate dall’eterno conflitto tra soggetto e oggetto, tra percezione e
    percepito da un lato e l’illusoria dicotomia astrazione-figurazione dall’altro. Membrane
    biomorfe dalle forme organiche e floreali, minerali, protesi meccaniche, parti del nostro
    corpo sono solo alcune delle figure che compongono le “creature” fissate sulla tela in un
    attimo della loro perenne metamorfosi: interruzione del continuum, del definito, del
    definibile ma anche ricostruzione di un corpo in un panorama contemporaneo abitato da
    nuove creature, cloni, ibridi e mostri genetici: quasi si muovessero verso un’impossibile
    agognata incarnazione.
    SCHEDA TECNICA
    TITOLO: KAIROS
    DATE 21 giugno – 30 agosto 2014
    INAUGURAZIONI: Mad Umbria Museum sabato 21 giugno ore 18.00
    Galleria POLID’ARTE domenica 29 giugno ore 12.00
    ARTISTA: SONIA ROS
    GENERE: pittura
    COORDINAMENTO MLC COMUNICAZIONE
    SEDI : MAD UMBRIA MUSEUM
    Strada Statale Flaminia Km 138
    Campello sul Clitunno
    GALLERIA POLID’ARTE
    Via Duomo, 27 – Piazza Signoria
    Spoleto
    ORARI: MAD UMBRIA MUSEUM tutti i giornii, domenica chiuso
    9.00 /13.00 – 16.00 / 20 .00
    GALLERIA POLI D’ARTE lunedì e martedì chiuso
    10,30-13,00 / 16,30/20
    INGRESSO: libero
    INFO: MAD mob. 335 5727708
    mariella.badiali@gmail.com /campello@loretiarredamenti.it
    POLID’ARTE mob. 340 6732390 / 339 1450767
    annamaria_polidori@fastwebnet.it /sandrocostanzi@tiscali.it
    LINKS www.umbriamuseum.it/ www.polidarte.com

  • 30 Commenti
  • Raccolta di: Arte
  • Memorie e fantasie di Leo Grilli

    Venerdì 23 maggio alle ore 18,30 presso il Centro Culturale Poli d’Arte si inaugura la mostra personale di Leo Grilli: artista eugubino e poliedrico ; in quanto saranno esposte opere pittoriche, scultoree ( bronzi e ceramiche) e piatti realizzati in ceramica, ove la tradizione umbra s’incontra con la modernità. L’artista che sarà presentato dal professore Francesco Gallo Mazzeo, propone un figurativo tanto metafisico quanto ironico e surreale. Il titolo della mostra è MEMORIE E FANTASIE, scelto dal professore Gallo , ma , se fosse necessario un sottotitolo, quello adatto sarebbe Tutti i mondi … di Leo Grilli ( Un’antologia di pittura, scultura e ceramica). Un’ antologia, piuttosto che una mostra antologica che raccoglie opere del trentennio 1980/2014, perché ogni opera è una pagina sui generis di un racconto tanto variegato quanto unificato da una comune vis creativa, la cui cifra identificativa è l’erompere naturalmente e liberamente strutturata. La mostra personale di Leo Grilli termina domenica 15 giugno 2014; questo l’orario di galleria: è aperta dal mercoledì alla domenica ( 10,30/13,00- 16,30/20,00); il lunedì e il martedì sono i giorni di chiusura. VENERDI 23 MAGGIO H. 18,30: INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA Sandro Costanzi

  • 24 Commenti
  • Raccolta di: Arte
  • abbiamo un’apertura della galleria quest’anno, con un omaggio a questa splendida terra che ci ospita : l’Umbria! Quest’anno infatti apriamo la stagione con LEO GRILLI, pittore scultore e ceramista molto importante, artista nativo di Gubbio che ha dedicato tutta la sua vita all’arte con risultati di grande valore .Venrdì 23 maggio siete tutti invitati al Vernissage di quest’artista che è presentato con estrema cura e competenza dal Prof :Francesco Gallo.
    Annamaria Polidori

  • 0 Commenti
  • Raccolta di: Arte
  • Memorie e Fantasie

    Si chiamano a vicenda, si segnano, si scartano,
    si agitano ai tocchi della mano rispondono come
    tasti di un piano, trovando una forma, un colore,
    pronti a raccontare una storia, semplice e fantastica
    allo stesso momento, in questo somigliando all’autore,
    Leo Grilli, che con il suo sguardo detta il segno
    e poi lo traduce in vita, in vita della materia.
    Prima grezza, ruvida, anonima e poi, via via, sempre
    di più forma, concretezza di una individualit�
    armonica, fondata sui dettami della tradizione,
    mai abbandonata e mai calligrafica, sempre in
    ritmo con la sua fantasia del presente, con la forza,
    la sapienza di una manifatturalità che
    non perde un colpo, procedendo di anno in anno,
    di opera in opera verso una grande enciclopedia
    del visibile, dove le tecniche si incontrano tutte
    e si rafforzano a vicenda, nel segno, nel disegno,
    nella pittura, nella terracotta, nella ceramica, nel
    bronzo. Una totalità, la sua, giocata senza mai,
    ambiguità, con limpidezza poetica, con la certezza
    di una tecnica che fa degli ostacoli i propri punti
    di forza, senza mai andare per scorciatoie, ma
    aprendo sempre nuovi capitoli, d’epopea, di forza,
    di dedizione ad un lavoro che è diventato una missione,
    un diario in pubblico della sua forza espressiva, fatta
    di esperienza, ma anche di spiritualit�
    ribelle che vuole innovare, vuole sperimentare, perché non
    si assegna mai un ruolo definito, non si rassegna
    alla sua storia declinabile al passato, alle tante cose
    già fatte, ma tendenti al futuro, alle cose da fare,
    alle invenzioni a cui dare corso. Tentare una narrazione
    delle sue tentazioni artistiche vuol dire riferirsi alla
    sua natura fertile di creativo, di pensatore e di
    realizzatore in contemporanea, nella sua bottega
    eugubina, in cui si avvertono gli echi delle idee,
    delle trovate, delle ricerche, in cui la sua santit�
    sconfina con la sua sensibilità, passando da tonalit�
    fredde, contemplative, a tonalità calde, attraenti.
    La sua è una vera escursione, un salire e scendere
    che le sue stesse opere, propongono al piacere della
    vista, ma anche a quello del tatto, nella sua forza
    di valori plastici, che aggiungono alla pura visibilit�
    una tattilità che porta ad una intensificazione di
    vita. Ne discende una propria teoria e pratica del
    Convito, dello stare insieme, che è una pratica di
    oggettualità e di pittoricità, capace di vivere bene nella
    piccola dimensione dell’ambiente interno, della
    casa, dell’ambiente di tutti noi, ma anche capace
    di sfidare, vincendo le grandi parietalità, la misura
    architettonica, perché questa è la sua misura nella
    piccola e nella grande sorte, nella traduzione alchemica
    dei materiali poveri che diventano ricchi, che diventano arte.

     

  • 23 Commenti
  • Raccolta di: Arte
  • Di Luca Filipponi

    Sabato 19 aprile alle ore 17 torna con un grande evento lo Spoleto International Art Fair con la mostra personale antologica
    del maestro marchigiano, ma spoletino acquisito, dott.Stefano Solimani con opere d’ispirazione sacra e cinquecentesca fortemente
    apprezzate dal critico e direttore artistico Giammarco Puntelli. L’evento è organizzato dall’associazione Aion arte presideduta dal maestro
    massimo Bigioni, direttore artistico del festival della pace e diretta da Stefania Montori. La mostra resterà aperta fino
    al giorno 8 maggio e rappresenta una vero e proprio evento da non perdere per tutti gli appassionati di arte contemporanea
    nella splendida cornice di piazza Duomo e in una location da sogno come il battistero , denominato dagli spoletini e non solo , Manna D’Oro.
    Il prof Giammarco Puntelli unitamente al prof.Luca Filipponi, direttore artistico della manifestazione, ha espresso soddisfazione per
    l’elevato valere culturale di questi eventi artistici: ” Queste mostre personali che non a caso abbiamo denominato eventi, sono oramai entrate nel
    panorama dell’arte contemporanea nazionale ed internazionale, tanto che sia io come direttore artistico e sia il prof Luca Filipponi siamo stati chiamati
    come ospiti alla festival expo più importante del mondo nell’arte contemporanea, quello di basilea in Svizzera , il prossimo giugno”
    Questo conferma che Spoleto continua ad essere un luogo molto ambito , anzi dai grandi dell’arte ad ogni livello, così come sono ben accolti
    gli organizzatori di tali eventi”
    la mostra storico antoligica del M° Stefano solimani avrà un’appendice con un’opera un’unica presso la chiesa di san Lorenzo, conosciuta come sala pegasus:
    aprire i luoghi sacri all’arte, risulta essere la nuova sfida della rassegna spoletina sempre più internazionale

  • 17 Commenti
  • Raccolta di: Arte
  • Spoleto Festival Art a Palazzo Bernabei

    di Luca Filipponi

    Tutti i principali attori dell’arte contemporanea sono invitati il 29 marzo 2014 alle ore 16:30 Palazzo Bernabei Via San Francesco, Assisi – alla mostra di arte contemporanea “Maestri a Confronto”. Un importante appuntamento di inizio primavera che apre il percorso dedicato all’arte a Palazzo Bernabei di Spoleto Festival Art che patrocinia l’evento. Tre maestri di spessore artistico come Maria Pia Luly Jones, Massimo Zavoli e Silvio Craia presentano le loro opere. A cura di Paola Biadetti, presentazione del catalogo con critica del Prof. Luca Filipponi,Prof. Giammarco Puntelli e Dott. Daniele Taddei.

    Con questa iniziativa di altissimo profilo culturale lo Spoleto Festival art e lo Spoleto meeting Art intendeno lanciare tutta una nuova serie di collaborazione con tutti i Comuni dell’Umbria che mostrano
    attenzione all’arte contemporanea ed hanno voglia di organizzare attività in tal senso:” lo spoleto meeting art è un contenitore culturale che ha già dimostrato tutte le sue
    potenzialità ed il suo successo. Tale contenitore viene messo a disposizione di tutti gli artisti, critici. organizzatori, associazioni, galleristi, amministrazioni pubbliche che vogliono diventare degli
    attori propositivi nell’ambito dell’arte contemporanea. Per lanciare questa idea non potevamo scegliere di meglio che questa location ed una città come Assisi che con i suoi 6 milioni
    di turisti dimostra sempre maggiori intenzioni per queste iniziative e soprattutto degli artisti di altissimo profilo culturale, tecnico ed artistico”. Vi aspettiamo per interagire insieme e superare l’Umbria dei campanili nel 21° secolo.

  • 0 Commenti
  • Raccolta di: Arte